Tonsille : Perchè , quando e se Operare

Le tonsille sono organi costituiti da tessuto linfatico che si trovano nel cavo orale, nella faringe (in questo caso prendono il nome di adenoidi) e dietro la base della lingua.

La loro funzione è quella di proteggerci dalle infezioni, poiché fanno parte del sistema difensivo immunitario delle prime vie aeree.

L’intervento di rimozione delle tonsille adenoidi si chiama adenotonsillectomia, ed è uno degli interventi chirurgici più frequenti in età pediatrica.

In Italia se ne effettuano circa 50.000 all’anno.

 

L’approccio chirurgico per la rimozione delle tonsille e adenoidi nel corso degli anni è cambiato.

 

Grazie a un miglioramento delle conoscenze sulla patologia adenotonsillare e delle capacità diagnostiche è stato ridiscussa l’utilità del trattamento chirurgico nei bambini.

 

Il principale e più frequente motivo per cui si ricorre all’intervento chirurgico è l’aumento del volume delle tonsille e/o delle adenoidi (ipertrofia), che può determinare l’ostruzione delle vie respiratorie e causare nel bambino disturbi respiratori durante il sonno.

 

I disturbi respiratori del sonno in età pediatrica comprendono diversi quadri respiratori anomali, che si manifestano con sintomi vari, a partire dal semplice russamento  con aumento degli sforzi respiratori fino ad una condizione in cui il bambino respira male e può presentare apnee (condizione denominata “sindrome delle apnee ostruttive del sonno” ovvero“OSAS=Obstructive Sleep Apnea Syndrome”).

Nella popolazione pediatrica il russamento primario e l’OSAS hanno una prevalenza del 3-12% e dell’1-5% rispettivamente.

Alcuni recenti studi dimostrano un’associazione significativa tra l’OSAS e la presenza di una serie di disturbi e di patologie sistemiche, quali deficit dell’accrescimento, disturbi cognitivi e neuropsicologici, alterazioni comportamentali e problemi cardiovascolari, obesità.

Sebbene questo aspetto sia ancora dibattuto, diversi studi scientifici suggeriscono che la diagnosi precoce ed il trattamento dell’OSAS migliorano la funzione respiratoria con conseguenze sulle potenzialità cognitive e sociali a lungo termine, sulle performance scolastiche e sulla qualità della vita.

 

In passato, la diagnosi dei disturbo respiratorio del sonno in età pediatrica era basata unicamente sull’anamnesi e sull’esame clinico, con riferimento soprattutto alla dimensione di tonsille ed adenoidi.

E’ stato tuttavia ampiamente dimostrato che la dimensione di tonsille e adenoidi non rispecchia il grado di disturbo respiratorio durante il sonno: vi sono infatti bambini con adenoidi e tonsille piccole ed importanti difficoltà respiratorie notturne e viceversa bambini con adenoidi e tonsille grandi che non hanno nessun problema respiratorio.

Vi sono inoltre bambini nei quali persistono i disturbi respiratori del sonno anche dopo l’intervento di adenotonsillectomia.

La diagnosi e l’indicazione alla chirurgia non dovrebbero dunque basarsi su giudizi prevalentemente anatomici, ma devono includere anche esami e misure oggettive che analizzano la funzione respiratoria.

Studiando i disturbi in modo più corretto e più completo e si ottengono delle previsioni più precise riguardo al beneficio che si otterrà dall’intervento chirurgico.

 

Si limitano gli interventi non strettamente necessari e conseguentemente i rischi ad essi connessi, e non si fa aspettare chi invece ne ha un reale e urgente bisogno.

Bisogna sempre e comunque affidarsi a specialisti del settore che sanno giudicare come e quando è davvero necessario intervenire chirurgicamente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Prenota adesso!

Per prenotare una visita, compila il modulo sottostante. Sarai contattato subito da un nostro addetto.

    Accetto che i miei dati vengano gestiti secondo la normativa GDPR 2016/679